Chi lavora di notte non ha come unico problema quello di dormire poco. Uno studio dell'Università di Brisstol (Regno Unito) ci spiega perchè i lavori notturni possono alterare l'appetito. Abbiamo un'alterazione dei normali ritmi circadiani che porta a un maggior rischio di diabete o depressione. Tali condizioni provocano il bisogno di mangiare in ore che sono abitualmente dedicate al riposo. Secondo i ricercatori l'aumento dell'appetito è provocato dall'alterzione dell'attività dei geni in momenti inappropriati della giornata, Alcuni di essi che producono proteine che stimolano l'appetito sono infatti risultati attivi in frangenti in cui non dovrebbero esserlo. Come si potrebbe contrastare questo fenomeno? Possiamo agire in qualche modo per prevenire tutto ciò?Sicuramente limitando i pasti delle ore diurne e inoltre gli studi scientifici hanno dimostrato che la restrizione della finestra oraria, in cui è consentito alimentarsi, può aiutare a prevenire i disturbi dell'umore in chi lavora durante i turni notturni. Ammettiamolo, però, l'autocontrollo è assai difficile e dunque un'altra strada percorribile sarebbe la terapia farmacologica., soprattutto perchè sappiamo quali proteine stimolano la fame durante la notte. Questi potrebbero essere i modi possibili per ostacolare questo sbilanciamento metabolico e poter in questo modo finalmente stare bene con sé stessi.

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00