La stagione calda è ormai alle porte , secondo le statistiche i contagi da corona  virus sono in declino, per cui si potrà anche andare al mare per respirare un po’ di iodio e prendere un po’ di sole. Passare molte ore sotto il sole è un rischio per la salute della pelle, quindi se passate un'intera giornata al mare riparatevi sotto l'ombrellone e assicuratevi di avere creme solari per il corpo e per il viso e un prodotto anche per la cura dei capelli. Ma attenzione ai primi raggi solari sulla nostra pelle, dopo un lungo inverno , la pelle è delicata. Il sole è la fonte di tutta l'energia, ed ha molti benefici, dall'attivazione della fotosintesi allo stimolo della produzione di vitamina D, negli esseri umani. Gli UVB fornisco alla pelle l'energia necessaria per produrre la vitamina D, ma sono anche responsabili delle scottature solari e dei danni diretti al DNA.  Durante i momenti con intense radiazioni UV, per esempio a mezzogiorno in una calda giornata estiva, si consiglia di indossare indumenti protettivi e di applicare lo schermo solare quando si esce all'aperto. Gli esperti, raccomandano cautela alla luce del sole, soprattutto i raggi UVA e UVB possono causare scottature solari, invecchiamento cutaneo prematuro, danni agli occhi, un indebolimento del sistema immunitario, reazioni fotoallergiche e fototossiche, e addirittura il cancro della pelle. Attenzione maggiore alla pelle dei bambini è più sottile ed altamente sensibile al sole. Quindi è indispensabile avere un fattore di protezione molto alto per prevenire i danni indotti dai raggi UV.  Esporsi in modo graduale, iniziare con un paio di ore per poi aumentare di giorno in giorno. Evitare il sole nelle ore centrali della giornata, da mezzogiorno alle quattro di pomeriggio dove le radiazioni fanno più male. Nei due mesi precedenti al periodo estivo, i dermatologi consigliano integratori, contenenti vitamine A, C, E, betacarotene (presente nei frutti arancioni). L’ombra e i vestiti costituiscono le misure più efficaci per proteggere la pelle dai raggi UV. Ma non tutti i tessuti offrono lo stesso grado di protezione. Guardate in direzione del sole attraverso la maglietta o il pantalone: se la luce penetra, essa non offre una protezione sufficiente.  Il cambiamento di colore della pelle è dovuto al maggior rilascio del pigmento melanina da parte delle cellule epiteliali in seguito alle radiazioni solari.  È molto importante, inoltre, scegliere i prodotti foto-protettivi adeguati alla propria pelle ed esporsi al sole gradualmente, seguendo alcune semplici regole: sarà così possibile preservare il benessere della pelle e al contempo ottenere una tintarella perfetta.

Piero D.M.

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00