Primavera: tempo di gite fuori porta, di voglia di stare in mezzo al verde e con gli animali. E allora quale idea migliore di un bell’agriturismo per pranzare insieme nel weekend, godersi natura e animali e far divertire i più piccini?

Di cosa sto parlando, ma dell’Agriturismo “La Merletta” di Almè in provincia di Bergamo (è conosciuta anche con il nome di "Inawakan”, che nella lingua degli indiani Lakota significa Madre terra), è un posto speciale, che ho scoperto nel 2021 grazie ad amici di quelle parti.

Ci sono tornata durante le vacanze di Pasqua, per un pranzo tranquillo tra amici di vecchia data e loro figli.

In agriturismo si va innanzitutto per mangiare. La Merletta, aperta nei weekend, offre per pranzo diversi menù, tra cui anche il menù vegetariano o per bambini, insomma si mangia bene e si spende pico.

Ma la cosa più bella di questo luogo per me, è che la mia bambina è impazzita di gioia, perché ha potuto dare da mangiare agli asini e ai cavalli, insieme agli altri bambini; ha potuto giocare nei prati, nella tenda Indiana e ha potuto osservare da vicino diversi animali, quali i pavoni, i conigli, oche, galline, capre, pecore e diversi uccelli.

Questo posto è proprio un’oasi in mezzo alla trafficata città e vita frenetica.

L'Agriturismo 'La Merletta' propone anche numerose Attività didattiche per le scuole:

 

-Visita nel frutteto per conoscere gli alberi da frutta e, nei mesi di settembre e ottobre, possibilità di raccolta delle mele

-Visita agli animali da cortile, agli asini ed infine al mondo dell'apicoltura

-Percorso capre
- Su richiesta è possibile effettuare uno scambio interculturale con la popolazione Masai del Kenya sull'allevamento degli animali

-Percorso nel Bosco delle Fate e degli Gnomi, per conoscere gli alberi e la loro energia con lo scultore Sandro Cortinovis
- Con visita guidata i ragazzi possono:
Vedere tutto il processo che l'ape compie per produrre il miele e tutte le sue caratteristiche; Assistere alla mungitura delle capre ed alla trasformazione del latte in formaggio, facendo lavorare direttamente i ragazzi.

Quello che neanche io sapevo è che “La Merletta” nel giugno del 2016 è stata dichiarata “patrimonio indigeno dell’umanità” durante un’importante giornata in cui hanno partecipato oltre 100 indigeni di diverse tribù che insieme a Jhonny Scolari e alla sua famiglia hanno consacrato questo fazzoletto di terra nella provincia bergamasca, per sottolineare l’importanza che ha per la comunità locale e per tutti coloro che la visitano ogni fine settimana e per tutti i ragazzi che ci lavorano, per protestare contro la costruzione di un viadotto di collegamento tra la Villa d’Almè-Dalmine e la Valle Imagna che distruggerebbe l’oasi verde da anni frequentata nei weekend da migliaia di bergamaschi, ma soprattutto meta quotidiana di ragazzi diversamente abili per lavoretti a contatto con la terra e gli animali.

Per quanto riguarda appunto le persone con disabilità, devo dire che questo agriturismo è organizzato piuttosto bene, in quanto ad accessibilità, certo essendo nella natura, alcuni tratti da fare in sedia a rotelle non sono semplicissimi, per via della ghiaia presente o di alcuni piccoli dislivelli. 

Ma per chi si muove con ausili, devo ammettere che non ho trovato particolari barriere architettoniche: il ristorante è ampio e spazioso, così come il bagno attrezzato per disabili, e anche all’esterno, direi che ci si può muovere con facilità pur avendo una disabilità motoria.

Se avete bambini piccoli, o semplicemente volete fare una gita fuori porta per respirare un’aria diversa e stare a contatto con la natura per davvero, allora non dovete perdervi questa metà in provincia di Bergamo, a circa di un’ora di auto da Milano e poco di più da Varese.

 

Primavera, tempo di gite fuori porta, di voglia di stare in mezzo al verde e con gli animali. E allora quale idea migliore di un bell’agriturismo per pranzare insieme nel weekend, godersi natura e animali e far divertire i più piccini?

Di cosa sto parlando, ma dell’Agriturismo “La Merletta” di Almè in provincia di Bergamo (è conosciuta anche con il nome di "Inawakan”, che nella lingua degli indiani Lakota significa Madre terra), è un posto speciale, che ho scoperto nel 2021 grazie ad amici di quelle parti.

Ci sono tornata durante le vacanze di Pasqua, per un pranzo tranquillo tra amici di vecchia data e loro figli.

In agriturismo si va innanzitutto per mangiare. La Merletta, aperta nei weekend, offre per pranzo diversi menù, tra cui anche il menù vegetariano o per bambini, insomma si mangia bene e si spende pico.

Ma la cosa più bella di questo luogo per me, è che la mia bambina è impazzita di gioia, perché ha potuto dare da mangiare agli asini e ai cavalli, insieme agli altri bambini; ha potuto giocare nei prati, nella tenda Indiana e ha potuto osservare da vicino diversi animali, quali i pavoni, i conigli, oche, galline, capre, pecore e diversi uccelli.

Questo posto è proprio un’oasi in mezzo alla trafficata città e vita frenetica.

L'Agriturismo 'La Merletta' propone anche numerose Attività didattiche per le scuole:

 

-Visita nel frutteto per conoscere gli alberi da frutta e, nei mesi di settembre e ottobre, possibilità di raccolta delle mele

-Visita agli animali da cortile, agli asini ed infine al mondo dell'apicoltura

-Percorso capre
- Su richiesta è possibile effettuare uno scambio interculturale con la popolazione Masai del Kenya sull'allevamento degli animali

-Percorso nel Bosco delle Fate e degli Gnomi, per conoscere gli alberi e la loro energia con lo scultore Sandro Cortinovis
- Con visita guidata i ragazzi possono:
Vedere tutto il processo che l'ape compie per produrre il miele e tutte le sue caratteristiche; Assistere alla mungitura delle capre ed alla trasformazione del latte in formaggio, facendo lavorare direttamente i ragazzi.

Quello che neanche io sapevo è che “La Merletta” nel giugno del 2016 è stata dichiarata “patrimonio indigeno dell’umanità” durante un’importante giornata in cui hanno partecipato oltre 100 indigeni di diverse tribù che insieme a Jhonny Scolari e alla sua famiglia hanno consacrato questo fazzoletto di terra nella provincia bergamasca, per sottolineare l’importanza che ha per la comunità locale e per tutti coloro che la visitano ogni fine settimana e per tutti i ragazzi che ci lavorano, per protestare contro la costruzione di un viadotto di collegamento tra la Villa d’Almè-Dalmine e la Valle Imagna che distruggerebbe l’oasi verde da anni frequentata nei weekend da migliaia di bergamaschi, ma soprattutto meta quotidiana di ragazzi diversamente abili per lavoretti a contatto con la terra e gli animali.

Per quanto riguarda appunto le persone con disabilità, devo dire che questo agriturismo è organizzato piuttosto bene, in quanto ad accessibilità, certo essendo nella natura, alcuni tratti da fare in sedia a rotelle non sono semplicissimi, per via della ghiaia presente o di alcuni piccoli dislivelli. 

Ma per chi si muove con ausili, devo ammettere che non ho trovato particolari barriere architettoniche: il ristorante è ampio e spazioso, così come il bagno attrezzato per disabili, e anche all’esterno, direi che ci si può muovere con facilità pur avendo una disabilità motoria.

Se avete bambini piccoli, o semplicemente volete fare una gita fuori porta per respirare un’aria diversa e stare a contatto con la natura per davvero, allora non dovete perdervi questa metà in provincia di Bergamo, a circa di un’ora di auto da Milano e poco di più da Varese.

 

Contatti e info:

 

Azienda Agrituristica 'La Merletta' Inawakan di Scolari Sara

Via della Merletta, 6/8 - 24011 Almè (BG)
Sara cell.: 347 5340414
Email: [email protected]

Sito: https://www.lamerlettainawakan.it

Facebook: https://www.facebook.com/Lamerletta/

 

(Foto libere o proprie)

 

Primavera, tempo di gite fuori porta, di voglia di stare in mezzo al verde e con gli animali. E allora quale idea migliore di un bell’agriturismo per pranzare insieme nel weekend, godersi natura e animali e far divertire i più piccini?

Di cosa sto parlando, ma dell’Agriturismo “La Merletta” di Almè in provincia di Bergamo (è conosciuta anche con il nome di "Inawakan”, che nella lingua degli indiani Lakota significa Madre terra), è un posto speciale, che ho scoperto nel 2021 grazie ad amici di quelle parti.

Ci sono tornata durante le vacanze di Pasqua, per un pranzo tranquillo tra amici di vecchia data e loro figli.

In agriturismo si va innanzitutto per mangiare. La Merletta, aperta nei weekend, offre per pranzo diversi menù, tra cui anche il menù vegetariano o per bambini, insomma si mangia bene e si spende pico.

Ma la cosa più bella di questo luogo per me, è che la mia bambina è impazzita di gioia, perché ha potuto dare da mangiare agli asini e ai cavalli, insieme agli altri bambini; ha potuto giocare nei prati, nella tenda Indiana e ha potuto osservare da vicino diversi animali, quali i pavoni, i conigli, oche, galline, capre, pecore e diversi uccelli.

Questo posto è proprio un’oasi in mezzo alla trafficata città e vita frenetica.

L'Agriturismo 'La Merletta' propone anche numerose Attività didattiche per le scuole:

 

-Visita nel frutteto per conoscere gli alberi da frutta e, nei mesi di settembre e ottobre, possibilità di raccolta delle mele

-Visita agli animali da cortile, agli asini ed infine al mondo dell'apicoltura

-Percorso capre
- Su richiesta è possibile effettuare uno scambio interculturale con la popolazione Masai del Kenya sull'allevamento degli animali

-Percorso nel Bosco delle Fate e degli Gnomi, per conoscere gli alberi e la loro energia con lo scultore Sandro Cortinovis
- Con visita guidata i ragazzi possono:
Vedere tutto il processo che l'ape compie per produrre il miele e tutte le sue caratteristiche; Assistere alla mungitura delle capre ed alla trasformazione del latte in formaggio, facendo lavorare direttamente i ragazzi.

Quello che neanche io sapevo è che “La Merletta” nel giugno del 2016 è stata dichiarata “patrimonio indigeno dell’umanità” durante un’importante giornata in cui hanno partecipato oltre 100 indigeni di diverse tribù che insieme a Jhonny Scolari e alla sua famiglia hanno consacrato questo fazzoletto di terra nella provincia bergamasca, per sottolineare l’importanza che ha per la comunità locale e per tutti coloro che la visitano ogni fine settimana e per tutti i ragazzi che ci lavorano, per protestare contro la costruzione di un viadotto di collegamento tra la Villa d’Almè-Dalmine e la Valle Imagna che distruggerebbe l’oasi verde da anni frequentata nei weekend da migliaia di bergamaschi, ma soprattutto meta quotidiana di ragazzi diversamente abili per lavoretti a contatto con la terra e gli animali.

Per quanto riguarda appunto le persone con disabilità, devo dire che questo agriturismo è organizzato piuttosto bene, in quanto ad accessibilità, certo essendo nella natura, alcuni tratti da fare in sedia a rotelle non sono semplicissimi, per via della ghiaia presente o di alcuni piccoli dislivelli. 

Ma per chi si muove con ausili, devo ammettere che non ho trovato particolari barriere architettoniche: il ristorante è ampio e spazioso, così come il bagno attrezzato per disabili, e anche all’esterno, direi che ci si può muovere con facilità pur avendo una disabilità motoria.

Se avete bambini piccoli, o semplicemente volete fare una gita fuori porta per respirare un’aria diversa e stare a contatto con la natura per davvero, allora non dovete perdervi questa metà in provincia di Bergamo, a circa di un’ora di auto da Milano e poco di più da Varese.

 

Contatti e info:

Azienda Agrituristica 'La Merletta' Inawakan di Scolari Sara

Via della Merletta, 6/8 - 24011 Almè (BG)
Sara cell.: 347 5340414
Email: [email protected]

Sito: https://www.lamerlettainawakan.it

Facebook: https://www.facebook.com/Lamerletta/

Fonti: https://www.ecodibergamo.it/stories/valle-brembana/patrimonio-indigeno-dellumanita100-indigeni-ad-alme-merletta-intoccabile_1186936_11/

(Foto libere o proprie)

Samanta Crespi

 

 

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00