Ho visitato con enorme piacere  La casa di Toti. La casa è sita in contrada San Filippo nel territorio di Modica in Sicilia.

Ho potuto constatare che si tratta di una bellissima realtà umanitaria piena di coesione. Gli ospiti sono principalmente ragazzi con problemi mentali. Vi assicuro che purtroppo i ragazzi con problemi mentali sono più complicati da gestire rispetto ad una problematica fisica. Tutto ciò ci fa comprendere il grande coraggio di una mamma come Muni Sigona che ha pensato ad una "autonomia " per il suo caro Toti, ma soprattutto quello che deve farci riflettere maggiormente è che nella casa di Toti vengono accolti altri ragazzi con le stesse problematiche. Pertanto Muni non ha pensato soltanto a Toti, ma anche ad altri ragazzi che hanno problemi. Vi assicuro che ci vogliono veramente gli attributi per accollarsi altri ragazzi con problemi oltre tuo figlio.

 È giusto precisare che la casa di Toti è stata creata con donazioni dei privati, non hanno usufruito di alcun fondo pubblico.

Per farvi comprendere il bellissimo rapporto di famiglia che vi è tra gli operatori e i ragazzi voglio raccontarvi una scemenza-aneddoto che mi ha colpito: quando ho visitato l'interno della casa vi erano i laboratori che coinvolgevano attivamente i ragazzi, ciò che mi ha fatto comprendere il bellissimo rapporto che vi è tra gli operatori e i ragazzi è stata una stupidaggine, ma può farci comprendere il senso di famiglia che vi è tra i ragazzi e gli operatori. Una delle operatrici aveva i piedi appoggiati sulle gambe di un ragazzo, all'apparenza ciò può sembrarvi una stupidaggine, ma quel gesto mi ha fatto comprendere l'affetto e l'affinità che vi è tra il ragazzo e l'operatore. In queste situazioni molto difficili è "vitale " l'instaurazione di un bellissimo rapporto tra l'operatore e il ragazzo, per il ragazzo l'operatore deve diventare il suo "innamorato " per avvenire ciò l'operatore deve essere una persona dal grande cuore e dalla enorme pazienza, vi assicuro che sono pochissime le persone che hanno questa "vocazione " li definisco con grande piacere "gli angeli concreti sulla terra ". Nel volto di Muni ho potuto constatare la sofferenza-gioia di una madre che dedica la sua vita alle problematiche del suo caro Toti, ma soprattutto agli altri ragazzi con problemi. Non è giusto che io menzioni soltanto Muni in questa bellissima e commovente storia, vi è anche un grande papà, mi riferisco a Michele Lanza, il papà di Toti e marito di Toti che l'ha assecondata sin dal primo momento nella realizzazione del grande sogno di Muni. La parola sogno non è retorica, in quanto quando ho chiesto a Muni come ti è nata l'idea di realizzare tutto ciò? Mi ha risposto: una notte mi sono sognata la stanza con la vetrata come la puoi vedere adesso, gli occhi di Muni emozionati mentre mi ha raccontato ciò mi hanno fatto comprendere quanto Muni ha desiderato tutto ciò che hanno realizzato insieme al suo Michele con le donazioni di enti privati. Sono veramente felice di aver osservato con i miei occhi questa bellissima ed emozionante realtà.

P. S. perdonatemi se l'aneddoto che ho raccontato è stupido, ma mi ha reso perfettamente l'idea di famiglia.

P. S. foto libera

Nele Vernuccio

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00