Finalmente Mario potrà porre fine alle sue sofferenze. Stiamo parlando di un 44enne che da anni è tetraplegico con immani sofferenze.

Mario ha condotto un'enorme battaglia per porre fine alle sue sofferenze in Italia, finalmente il comitato etico della Regione Marche, la Regione dove vive Mario, gli ha concesso di potersi farsi somministrare il farmaco che gli permetterà di non soffrire più.

Questa "concessione" apre un enorme spiraglio, sperando che in Italia si possa legalizzare il fine vita.

E' giusto ricordare che il 15 febbraio la Corte Costituzionale si pronuncerà sulla validità della raccolta firme presentata dai Radicali per istituire il referendum.

Auspico che la Corte Costituzionale approverà il referendum in quanto è un diritto sacrosanto poter scegliere sulla propria vita.

Recentemente papa Francesco ha dichiarato che nessuno può porre fine alla vita all'infuori di dio, ciò a mio parere è totalmente sbagliato in quanto se si hanno delle sofferenze atroci alcuno può decidere e obbligarti a subire le sofferenze.

dio è una cosa irrazionale del quale non abbiamo alcuna prova concreta, ma si tratta soltanto di una credenza-fede che ci hanno "indottrinato". Nessun essere umano può permettersi di obbligarti a restare in vita.

Spero che lo Stato italiano non sia succube per l'ennesima volta del Vaticano, e finalmente si potrà legalizzare la libertà di scelta sulla propria vita.

Nele Vernuccio

P. S. foto libera

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00