Siamo nel 2021, stiamo attraversando una pandemia mai vista prima, stiamo avendo migliaia di morti e siamo in attesa di un antidoto per prevenire il covid, ma le notizie agghiaccianti che fanno rabbrividire non provengono soltanto dal covid.

Marta Novello, ventiseienne, è stata accoltellata a Treviso da un sedicenne, badate bene, un sedicenne mentre faceva una comunissima passeggiata.

Come è possibile che un ragazzetto (ca ancora fa fietu ri latti) possa avere tutto questo rancore e abbia potuto accoltellare una ragazza che potesse essere sua sorella?

Per quale motivo questo "abominevole ragazzino " abbia tutto questo rancore a questa età? Come mai possedeva un coltello di quel diametro con cui ha infilzato alla povera ragazza ventisei coltellate? Da dove ha preso spunto per compiere un'atrocità del genere? Che educazione ha avuto, i genitori dove sono stati? La scuola che esempio gli ha lasciato?

Queste domande sono domande di un semplice coetaneo che non riesce a capacitarsi che possa essere accaduta un'atrocità del genere.

Ma l'altra notizia di una gravità inedita è la seguente: il Maresciallo dichiara è un soggetto che c'era già stato segnalato. Credevo di aver udito male, no avevo sentito bene. Se a 16 anni sei stato già segnalato a che età ha iniziato a delinquere? Ed è possibile che in una società  altamente evoluta alcuno non si sia accorto che un bambino andava seguito ed aiutato? Per quale motivo sono stati istituiti i Servizi Sociali se non per evitare che accadano atrocità del genere.

Da sempre ci inculcano che i cittadini dobbiamo avere fiducia nello Stato e nelle istituzioni, pienamente d'accordo, ma esigo che qualche emerito altolocato mi spieghi   (ammesso sia vero che lo Stato è presente), come sia potuta accadere un'atrocità del genere e di chi sia la colpa.

Ci lamentiamo perché la natalità è drasticamente scesa, sbagliamo enormemente ad affermare ciò. È un'ottima notizia che non vivano bambini in codesta maledettissima società.

Mi scuso con i nascituri che dovranno vivere nelle atrocità che purtroppo tramanderanno da questa società, ahimè purtroppo non vedo una spiraglio di luce.

La cosa che mi fa incazzare maledettamente è che in fondo in fondo la mia fascia d'età non è stata educata così male. Perché la fascia prettamente adolescenziale odierna ha tutta questa crudeltà addosso? In questi anni saranno stati creati videogiochi pieni di violenza? Da dove proviene tutta questa violenza?

Purtroppo a tutte queste domande non riesco a fornire una risposta. Posso soltanto ammettere che sono ampiamente avvilito e amareggiato ed ampiamente preoccupato per le future generazioni.

P. S. foto libera

Nele Vernuccio

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00