C'è una bozza preparata e data  al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi che prevede che gli insegnanti di sostegno potranno insegnare a casa dell’alunno che presenta disabilità, anziché andare in classe. Tuttavia, questa bozza, che, ricodo, non è ancora un decreto, se apparentemente potrebbe essere un'ottima soluzione, ha suscitato diverse perplessità non solo da parte degli insegnanti, ma anche delle stesse famiglie dei ragazzi disabili, in quanto contraria all’inclusione.

Nel documento, si prevede l'individuazione di fornire determinate azioni per quegli alunni che non sono in grado di frequentare, o meglio, di stare in aula in modo continuativo nel tempo di 30 giorni. Se, quindi, da una parte c'è il ministro che sta finalmente firmando questa bozza facendola diventare decreto e che doveva essere scritto nel 2019, da un lato, c'è la necessità di prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali ed importanti per il ragazzo stesso.

Il fatto è che, in generale e nello speicifico, i descreti, pur giusti e validi, purtroppo spesso, vengono fatti da persone che non sanno appieno quali siano le reali difficoltà ed esigenze delle persone disabili, proprio perchè loro stessi non lo sono. In questo caso, pertanto, l’istruzione deve essere certamente garantita a tutti utilizzando l’insegnante di sostegno, ma, al tempo stesso, senza isolarlo da altri insegnanti e, soprattutto, dai compagni di scuola, per lo più coetanei. Andando poi, sempre, nel dettaglio di questa bozza, non sono, ad esempio, nemmeno indicate quante ore al giorno devono essere svolte in casa o anche dal punto di vista prettamente sindacale, se e come debba essere poi modificato il contratto di lavoro o e infine sulla formazione dello e degli insegnanti perchè un conto è stare in una scuola, un altro è in casa e, in parte, si è capito durante il lockdown.

Diciamo che c' è ancora qualcosa di sistemare, ma, speriamo, che venga fatto presto senza perdere ulteriore tempo. 

Tiziana Scotti

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00