La comparsa, soprattutto su Instagram, delle prime influencer body positive è un fenomeno degli ultimi anni. Ragazze che sui social hanno trovato spazio per sfidare i canoni di bellezza tradizionali, attirando migliaia di consensi positivi anche se le immagini riportavano una pancia non proprio piatta o un corpo con un po’ di cellulite.

Il loro messaggio è arrivato in modo così potente, tanto che anche il mondo della moda ha iniziato ad ampliare la gamma delle taglie ed a creare nuove campagne pubblicitarie mostrando tipi diversi di fisicità femminile. Sono apparse modelle dalle curve morbide accanto a modelle molto magre.

 Anche le campagne contro la bulimia e l’anoressia hanno contribuito alla diffusione delle immagini “body positive” facendo diventare concreta la visione di come le donne vedono il proprio corpo.

Studi scientifici hanno comunque dimostrato che le donne si sentono meno insoddisfatte del loro corpo vedendo immagini di donne curvy rispetto a quelle più longilinee. E’ emerso anche che la pubblicità che mostra fisici diversi aiuti a indentificarsi maggiormente e quindi risulta più semplice per le donne accettarsi fisicamente.

In queste recenti campagne pubblicitarie sono finalmente comparse anche persone con disabilità visibili e, da ragazza con una disabilità motoria, posso dire che penso si tratti di un ulteriore progresso per aiutarci a riconoscere che ogni corpo merita di essere amato.

 

Simona Bagnoli

 


CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00