In America, negli Stati Uniti. è cominciata, vedremo quando arriverà anche in Europa e quì in Italia, soprattitto. Per non escludere nessuno, per una maggiore inclusività, una catena di cinema permetterà a tutti di seguire i film anche con i sottotitoli, rendendoli obbligatori sull’intera programmazione senza fare differenza tra pellicole in inglese o in altre lingue. E' un qualcosa d'importante, in quanto ancora non tutti i film e non parlo di film vecchi, per i quali si dovrebbe creare un sistema di sottotitolatura dal nuovo, ma i film, quelli nuovi, non sempre hanno la possibilità di abilitare i sottotitoli. E non sto parlando solo di Rai e Mediaset,, ma anche per le altre piattaforme online, a pagamento, non tutti i film sono provvisti di sottotitoli, anche se a dire la verità, sono pochi i film senza sottotitoli,  

La carenza maggiore si ha, tuttavia, presso le sale cinematografiche, nelle quali sono pochissime le sale che hanno predisposto alcuni film con i sottotitoli. Pertanto, questo servizio, al momento solo negli Stati Uniti, di sottotitoli e che riguarderà 240 cinema della AMC, che, se non lo sapete, si tratta di una delle più importanti in America, si tratta di un qualcosa che potrebbe fare da apripista per altre importanti aziende cinematografiche. Per la prima volta, infatti, viene riconosciuta l’importanza anche comunque commerciale di favorire l’accesso alle sale anche a chi ha problemi uditivi, oltre a tutti quelli che non hanno una buona ed ottima, anzi, conoscenza dell’inglese. Leggerlo è indubbiamente più semplice del sentire parlare una persona in un'altra lingua.

Naturalmente, un pò per via di questo virus, un pò per motivi gestionali, verranno stabiliti determinati orari della programmazione, nella quale si potranno avere film sottotitolati, ma questo è un passo avanti.

In realtà, il motivo principale riguardante i sottotitoli per gli americani, così come per gli inglesi, è un fatto più culturale, ma, se questo è vero per loro, discorso diverso potrebbe per essere per un europeo.

Alla fine, io credo che basterebbe la buona volontà, una buona volontà che dovrebbe nascere nell'aiutare una persona che ha difficoltà a godersi un film. In fondo, una persona che non sente, o non sente bene, potrebbe essere anche semplicemente una persona anziana, pertanto, andando oltre il problema della sordità, come patologia, questo modo potrebbe essere utile a più persone.

Alessandro Cavernicoli

 

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00