Un eccessivo consumo di zuccheri è considerato come fattore di rischio per svariate patologie, tra cui obesità, diabete, malattie cardiovascolari e anche tumori. Ridurre il consumo di zucchero quindi aiuta a ritrovare maggiore energia. Ma non solo. Alcuni studi hanno dimostrato che alti livelli glicemici possono essere causa di danni cerebrali che colpiscono la memoria.  Fa bene o fa male? Il troppo stroppia sempre, diceva la nonna e la nonna si sa,” ha sempre ragione”. Se proviamo a leggere le etichette di minestre e zuppe pronte, risotti in busta, sughi confezionati, salse come maionese e ketchup, pane confezionato, yogurt e formaggi light, scopriremo che in questi prodotti sono contenute elevate quantità di additivi e, in particolare, di zuccheri semplici. Controllare e limitare il consumo di zuccheri aggiunti è utile non solo a chi deve dimagrire o a chi soffre di diabete, ma è importante anche per le persone sane e per i bambini, al fine di prevenire molte condizioni potenzialmente rischiose per la nostra salute, obesità infantile, problemi cardiovascolari, disbiosi e tumori. Più attenzione a ciò che mangiamo, scegliendo ed acquistando il cibo con maggiore consapevolezza, per preservare la nostra salute! Se state cercando di mangiare più sano dovete abituarvi a mangiare meglio che poi significa crearvi delle abitudini alimentari che siano sostenibili sul lungo periodo. Lo zucchero della frutta è nostro alleato o nemico? Partiamo dal presupposto che un frutto contiene in media dai 10 ai 25 grammi di zucchero ogni 100 grammi di frutta, l’equivalente di 3-5 cucchiaini di zucchero bianco. Gli esperti riferiscono che, tra gli zuccheri però il fruttosio presenta uno dei più bassi valori di indice glicemico. Inoltre la frutta contiene acqua, sali minerali, vitamine e fibre.  Il fatto poi che la frutta contenga anche acqua e fibre ne rallenta ancor di più l’assorbimento, rendendola ben tollerata anche da persone con diabete mellito.  E va per questo consumata tutti i giorni. Ideale per l’assunzione della frutta è lontano dai pasti, quindi durante gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio.

Il limite giornaliero raccomandato dall'American Heart Association per lo zucchero aggiunto è di sei cucchiaini da tè per le donne e di nove per gli uomini. Attenersi alle linee generale e al buon senso, nella dieta come nella vita è la cosa migliore.

Piero D.M.

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00