L’arancia è il “frutto simbolo" della vitamina C. È un antico ibrido, risultato di un incrocio di oltre 4000 anni fa tra il pomelo e il mandarino. L'arancio è un albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rutacee, il cui frutto è l'arancia, talora chiamata arancia dolce per distinguerla dall'arancia amara. Il succo d'arancia, conosciuto anche come "spremuta", una bevanda in uso in tutto il mondo e in alcuni paesi viene spesso usata per la colazione. La maggior parte della vitamina C è nella buccia e nel mesocarpo esterno. La vitamina C, infatti, è importante per la sua attività antiossidante, serve all’organismo per sintetizzare sostanze importanti e favorisce l’assorbimento intestinale del ferro. Anche chi fa sport o vive periodi di stress può trarre beneficio da un’adeguata assunzione di Vitamina C. Gli integratori di Vitamina C possono essere utili soprattutto quando non si riesce con l’alimentazione a raggiungere il fabbisogno giornaliero di questa vitamina oppure in determinati periodi dell’anno per aiutare e rafforzare le difese immunitarie. Tutte le arance sono state inserite dagli esperti dell’Harvard Medical School di Boston tra i cibi antinfiammatori, in grado cioè di frenare l’infiammazione cronica, associata all’invecchiamento e, se in eccesso, a una lista di patologie croniche, dall’Alzheimer all’aterosclerosi. La spremuta va consumata subito altrimenti a contatto con l’aria, i composti, inclusa la vitamina C, si ossidano e perdono man mano efficacia. Tra i tipi di arance italiane maggiormente diffusi e prodotti troviamo arance tarocco (o pigmentate), arance navel, rosse siciliane. L’Italia nella produzione delle arance ha ricoperto sempre un ruolo fondamentale, favorita dal clima mite, dal paesaggio e natura del terreno, spesso molto vocato per la coltivazione, per la presenza del mare. 

Piero D.M.

CONTATTACI
SEDE LEGALE

Via S. Quirico 264, int. 2 - 50013 Campi Bisenzio (Firenze)

TELEFONO

(+39) 055 360 562

ORARI

Lun - Ven / 9:00 - 18:00